Libri Mauro Biglino

Libri Mauro Biglino

Libri

In Italia

Libri Mauro Biglino

Pubblicati in Italia

Clicca Qui

Libri

Nel Mondo

Libri Mauro Biglino

Pubblicati Nel Mondo

Clicca Qui

Elohim Fumetto

Mauro Biglino

Fumetti Elohim

Mauro Biglino

Clicca Qui

Tutti i Libri Mauro Biglino

Libri Mauro Biglino | Le traduzioni di Mauro Biglino fanno tremare teologi, rabbini e monsignori in quanto, libere da dogmi e interessi di qualsiasi tipo, riportano senza filtri ciò che è contenuto nella Bibbia, presunto libro “divino” da sempre ritenuto sacro e ispirato da “Dio”.


I suoi lavori hanno attirato l’attenzione di TV, Radio e personaggi dello spettacolo. Fra i numerosi media che lo hanno intervistato: Studio Aperto (Italia1), La strada dei miracoli (Rete 4), Adam Kadmon Revelation (Italia1), Mistero (Italia1), Ballarò, Radio 24, Radio Rai 2, Inception Network (Radio USA), Mistero Magazine, Affari Italiani, Ilsole24 ore.

Dottor Biglino, può spiegarci in cosa consiste il “fare finta che?”

Significa partire da una serie di dati di fatto incontrovertibili: della Bibbia, o saprebbe meglio dire delle Bibbie, non sappiamo nulla.

Non sappiamo chi le ha scritte, quando le ha scritte (non abbiamo certezze neppure su una sola riga), come siano state scritte in origine, come fossero lette (visto che le vocali non esistono) Sappiamo solo che quelle che leggiamo noi oggi sono certamente diverse da quelle scritte nei secoli visto che le cambiavano continuamente.

Data questa premessa il metodo da me formalmente dichiarato dal 2010 è quello di “fare finta” che le cose che leggiamo siano quelle che hanno (non sappiamo chi) scritte in origine e che quando scrivevano una cosa volessero dire quella, perché se, nella totale ignoranza in cui vaghiamo, affermiamo pure di “sapere” che quando scrivevano una cosa ne volevano dire un’altra, non facciamo altro che aggiungere incertezza ad incertezza, il che non sarebbe un problema se da quelle incertezze non si pretendesse di ricavare verità assolute e indiscutibili.

“Fare finta”, a mio avviso, è quindi l’unico atteggiamento intellettualmente onesto che si può tenere con quell’insieme di scritti.

Io dunque “faccio finta” e vedo che cosa ne scaturisce, senza alcuna pretesa di verità.

Ma perchè la Bibbia non parla di Dio? Che cosa significa questo titolo?

Il titolo deriva dal fatto che nell’ebraico biblico non esiste neppure un termine che abbia senso e significato di Dio così come inteso nella religione occidentale che è stata costruita mutuando quel concetto dalla filosofia greca, neoplatonica in particolare.

Il termine non esiste perché nell’antico pensiero israelitico non esisteva neppure il concetto e tutto il contenuto biblico documenta come quei testi parlino di un gruppo di individui (elohim) tra i quali Yahweh non era che uno dei tanti: quello cui era stata affidata dal comandante (Elyon) la famiglia di Giacobbe e non l’intero popolo ebraico, come erroneamente si ritiene.

Articolo Protetto da Copyright

Leave A Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: